TERZO ANNO CORSO DI COUNSELLING SOCIO-EDUCATIVO

Contatti

 

Roma – Ufficio Coordinamento:

coordinamentosegreteria.ifrep93@irpir.it
tel: 06 87290913
fax: 06 87290630

Roma:

Sandra Maffei
maffeisandra@libero.it
tel: 347 9125517

Nadia Ruggeri
nadia_ruggeri@libero.it
tel: 328 8835980

DESTINATARI

Possono iscriversi al terzo anno del Corso di Counselling Socio Educativo coloro i quali hanno precedentemente completato il biennio di Counselling Socio-Educativo presso l’IFREP o presso altre Associazioni.

FINALITÀ E OBIETTIVI

Il 3° anno del Corso di Counselling Socio Educativo ha come obiettivo quello di fornire delle competenze trasversali a diverse figure professionali che lavorano in questo settore in modo da potenziare, ampliare e arricchire le competenze che caratterizzano il loro specifico profilo professionale (insegnante, educatore, assistente sociale, pedagogista ecc..) allo scopo di migliorarne l’efficacia operativa.
In questa prospettiva i moduli tematici degli incontri da un lato integrano e sviluppano alcuni contenuti presentati nel biennio di Counselling Socio-Educativo dell’IFREP e dall’altro mirano a monitorizzare l’intervento sul campo da parte dei partecipanti attraverso delle supervisioni.

SCOPI E CONTENUTI

1. Le fasi della conduzione del colloquio Supervisione

Potenziare le competenze dei counsellor nell’attuare una relazione d’aiuto che stimoli il cliente ad una gestione più efficace delle situazioni problematiche, usando le risorse e le opportunità disponibili nella sua vita e aumentando concretamente le opzioni per vivere bene la propria vita personale e sociale.

  • Descrizione del modello di colloquio basato sull’azione e orientato alla soluzione dei problemi.
  • I tre stadi del modello.
  • I valori e l’etica nella relazione d’aiuto.
  • Il colloquio come intervento per aiutare il cliente ad operare efficacemente nella soluzione
  • dei problemi.
  • Le abilità comunicative: attenzione, ascolto ed empatia.
  • Gli stadi e i passi del modello d’aiuto: passi e metodologia.
  • L’analisi della situazione attuale del cliente.
  • L’analisi della situazione desiderata.
  • Le strategie per giungere alla situazione desiderata.

2. Saper progettare nel sociale e supervisione Supervisione

  • Acquisire solide conoscenze teoriche e metodologiche per poter programmare, formulare, gestire e valutare progetti in ambito sociale.
  • Acquisire conoscenza dei principali modelli di progettazione.
  • Orientare e individuare i passi logici fondamentali che sostanziano il progetto.
  • Saper leggere i bisogni del contesto (gruppo, istituzione, ecc);
  • Saper rispondere al bisogno attraverso un’idea progettuale,
  • Saper individuare e delineare motivazioni, problematiche, condizioni che determinano l’idea progettuale, Saper individuare le risorse disponibili o attivabili;
  • Saper formulare gli obiettivi e passi intermedi, monitorare e valutare il progetto.
  • Saper leggere i contesti e utilizzare la metodologia adeguata.
  • Gestire il progetto in fase esecutiva.

Le fasi della programmazione, formulazione, gestione e valutazione del progetto.

  • fase della ideazione e attivazione (verifica idee, risorse, dei ruoli dei soggetti coinvolti, identificazione del problema e delle strategie d’intervento),
  • fase della progettazione vera e propria
  • fase della realizzazione
  • fase della verifica e monitoraggio

3. L’analisi della domanda e l’invio: dal singolo individuo al gruppo Supervisione

  • Saper utilizzare strumenti di osservazione e valutazione allo scopo di avere una chiara comprensione del problema sia in contesto individuale sia in contesto di gruppo in funzione di una progettazione di intervento socio educativo.
  • Conoscere i principali passi da seguire per l’analisi della domanda.

Le condizioni base per un colloquio costruttivo: competenza

4. Strategie e tecniche di Intervento nel Counselling Supervisione

  • Le condizioni di base per un colloquio costruttivo: competenza, attrazione, fiducia.
  • Revisione della relazione di ascolto. La propositività nell’ascolto. Le strategie per l’individuazione degli obiettivi, la verifica degli interventi. Dalle strategie di intervento comunicative alle tecniche cognitivo comportamentale.

Teoria e tecnica del modellamento (il modellamento simbolico, del sé come modello, del modellamento partecipativo e del modellamento non manifesto, il modellamento cognitivo), della fantasia emozionale, e delle strategie di gestione di sé (l’automonitoraggio, il controllo dello stimolo e le auto-ricompense).

5. Lo sviluppo dell’intimità/affettività e sessualità Supervisione

Acquisire ed elaborare elementi teorico-pratici di un progetto di educazione sessuale inteso come progetto di sviluppo della capacità di vivere armoniosamente la sessualità inserita all’interno dello sviluppo e dell’evoluzione globale della persona.

  • La sessualità intesa nelle varie dimensioni:
  • Dimensione culturale
  • Dimensione biologica
  • Dimensione relazionale-affettiva
  • Dimensione ludica
  • Dimensione riproduttiva

6. Conoscere e prevenire i rischi di abuso sui minori Supervisione

Sensibilizzare i futuri counsellor sull’argomento “abuso sui minori” come eventuale situazione problematica da dover affrontare e come tema su cui compiere azioni di prevenzione.

  • Fornire informazioni e strumenti per come gestire una situazione in cui si venga a conoscenza di un abuso.
  • Indicatori da utilizzare per un ipotesi di abuso
  • Potenziare competenze di ascolto per accogliere il racconto di un abuso
  • Passi da compiere da un p.d.v. legale nel momento in cui si viene a conoscenza di un abuso.
  • Proposta di una serie di temi fondamentali nella crescita ed educazione dell’individuo da utilizzare come stimoli nella prevenzione all’abuso

7. Strategie per la formazione in AT e ATSC Supervisione

  • Apprendere l’utilizzo dell’ATSC all’interno della relazione formativa e di couselling.
  • Potenziare l’uso di strategie per l’azione formativa e di counselling, attraverso l’impiego di prospettive analitico transazionali.
  • Aumentare la consapevolezza del proprio stile di interevento, al fine di attuare e stabilire azioni positive così come descritte dall’ATSC.
  • Analisi Transazionale Socio Cognitiva nella relazione di counseling (Pio Scilligo)
  • Stile educativi in Analisi Transazionale (Trudi Newton)

8. La leadership complessa: dal gruppo di formazione al gruppo di progettazione, i livelli sistemici Supervisone

  • Riconoscere i fattori personali e di gruppo che facilitano e/o ostacolano l’adozione e la realizzazione della leadership nella conduzione dei gruppi
  • Saper leggere le dinamiche in base a delle griglie condivise (processi di ipotizzazione)
  • Conoscere e applicare strategie utili quando la dinamica del gruppo diviene complessa sia per la risoluzione del compito che per la gestione relazionale
  • La meta-comunicazione con il gruppo
  • Problem Solving in contesti di gruppo
  • Mediare i contrasti
  • Negoziare
  • Gestire le tensioni e le conflittualità

9. Aspetti etici e deontologici e appartenenza associativa

Dinamica di gruppo finale e Esame Conclusivo.

 

ATTESTATI

Al termine del terzo anno, superate le prove d’esame, gli allievi potranno ottenere

l’Attestato di Counsellor Professionista

riconosciuto dal Coordinamento Nazionale dei Counsellor Professionisti (CNCP).

COSTI

Ha una durata di 10 mesi e prevede un’attività formativa di 450 ore complessive.

  • 144 ore sono organizzate in 9 moduli seminariali teorico – pratico di 16 ore ciascuno. Ogni modulo è suddiviso di solito in due sezioni:
    • i. Teoria e pratica
    • ii. Supervisione e/o Gestione di sé nell’azione del counselling
  • 61 ore per la tesi
  • 65 ore la preparazione di due nastri da supervisionare sulla conduzione del colloquio e i progetti di intervento nel sociale
  • 50 ore per seguire i casi del centro di consulenza
  • 100 ore di tirocinio in strutture che lavorano in campo socio educativo
  • 30 ore di colloqui di counselling su di sé (fortemente consigliato)

Criterio di accesso al terzo Anno:

  • aver terminato il Master in Counselling
  • aver superato un colloquio motivazionale

Al termine del triennio, superate le prove richieste, sarà rilasciato un diploma dall’IFREP come Counsellor Professionista in campo Socio Educativo che permette di essere iscritto al CNCP come Counsellor Professionista

 

Ogni unità viene svolta in un fine settimana, sabato e domenica, dalle h.9:00 alle h.18:00.

Sono previste 9 unità tematiche.

Il costo per ogni unità è di €160,00.