Il Gruppo di lavoro

L'IRPIR organizza un Workshop esperienziale condotto dal dr. Massimo Purpura Il Gruppo di lavoro. La collaborazione tra diverse competenze e figure professionali Roma, 27 maggio 2017 Università Pontificia Salesiana in collaborazione con SSPC-IFREP, SSSPC-UPS, SSPT-SAPA, SSPIG-ARPA   La collaborazione tra più professionisti è sempre un processo molto complesso per le diverse variabili che vi partecipano: caratteristiche

Start

End

L’IRPIR organizza un

Workshop esperienziale

condotto dal dr. Massimo Purpura

Il Gruppo di lavoro. La collaborazione tra diverse competenze e figure professionali

Roma, 27 maggio 2017

Università Pontificia Salesiana

in collaborazione con SSPC-IFREPSSSPC-UPSSSPT-SAPASSPIG-ARPA

 Locandina Purpura - ufficiale

La collaborazione tra più professionisti è sempre un processo molto complesso per le diverse variabili che vi partecipano: caratteristiche personali, culturali, diversità degli obiettivi. Nella situazione su cui vogliamo riflettere vi è un ulteriore livello di complessità data dalla condivisione dello stesso “ambito“ di lavoro: il paziente/cliente. Si tratta di trovare una strada per passare dal livello collaborazione al livello condivisione. Nel corso del seminario cercherò di districarmi tra queste diverse variabili e livelli per arrivare ad una possibile ipotesi di lavoro che possa coniugare la protezione del paziente/cliente e degli operatori

Obiettivi: permettere di acquisire competenze relazionali e comunicative oltre che con i pazienti, con operatori di altre specialità con cui è necessario collaborare per poter rispondere ai diversi bisogni espressi dal paziente. Occorerà relazionarsi non solo con operatori della salute mentale ma anche con MMG, geriatri, oncologi ecc. Questa integrazione di interventi, per poter essere efficace, dovrà basarsi su un livello di comunicazione ampio ed articolato in cui l’ascolto, il rispetto dell’altro ma anche la sicurezza di sé e la capacità di mettersi in gioco, senza dimenticare la centralità del paziente, svolgono un ruolo fondamentale.

Metodologia utilizzata: nel corso del seminario dopo una introduzione che permetterà di inquadrare il tema sarà fornito ai partecipanti del materiale: esemplificazioni cliniche ed una serie di domande scritte per facilitare la discussione e su cui svolgere anche un lavoro in piccoli gruppi. Da questi dovranno emergere riflessioni che saranno poi riportate in seduta plenaria. Alla fine del seminario i partecipanti, in gruppi o singolarmente dovranno riportare per iscritto le loro riflessioni sui contenuti del seminario.

Bibliografia:

  • Bonfiglio B. (1999). Uno psicoanalista al “servizio”. Roma: Borla.
  • De Martis D., Petrella F., Ambrosini P. (a cura di) (1987). Fare e pensare in psichiatria Milano, R. Cortina Editore.
  • Ferro A.M., Jervis G. (a cura di) (1999). La Bottega della Psichiatria. Torino: Bollati Boringhieri.
  • Freni S. (1988). Psicofarmacoterapia. Milano: Edizioni la Vita Felice.
  • Garzotto N., Imperadore G., Inglese M. (2000). Buona Pratica clinica nei DSM. Roma: Il Pensiero Scientifico editore.
  • Zapparoli G. ed altri (1988). La psichiatria oggi. Torino: Bollati Boringhieri.

Orario: dalle ore 10 alle 17.

Per Iscrizioni compila il modulo allegato e segui le istruzioni: modulo pdf;

Locandina dell’iniziativa.

MORE DETAIL